Un ipotetico disegno sperimentale

Alice Bolognani

La domanda a cui vogliamo dare risposta è la seguente: un utente ha prestazioni migliori operando su un'interfaccia esteticamente attraente rispetto a quando opera su di un'interfaccia che non possiede tale caratteristica, ma identica sul versante dell'architettura dell'informazione e dei contenuti?

L'ipotesi sperimentale potrebbe essere: L'interazione dell'utente con un'interfaccia esteticamente ben curata è migliore in termini di prestazione (velocità, accuratezza, carico cognitivo), ed a parità di altre condizioni, rispetto all'interazione con un'interfaccia che non possieda tale caratteristica. Tale ipotesi sperimentale sarebbe rifiutata sia nel caso in cui le prestazioni degli utenti si dimostrassero identiche nelle diverse situazioni sperimentali, sia nel caso in cui la situazione sperimentale che contempla l'utilizzo di un'interfaccia estetica risulti peggiore in termini di prestazioni rispetto all'altra condizione e si potrebbe quindi concludere, a seconda dei risultati, o che l'estetica non ha un ruolo determinante nel migliorare le prestazioni dell'utente, o, nel peggiore dei casi, che le influenzi negativamente.

Questo studio potrebbe svolgersi su un sito internet che presenti un certo grado di complessità, in termini di pagine e azioni possibili per pagina. Le due situazioni sperimentali sarebbero date presentando in un caso le pagine Web corredate del loro stile, giudicato in precedenza da degli utenti come esteticamente attraente, nell'altro caso presentando il medesimo sito Web privato dello stile, ma identico in termini di architettura e contenuti. Ciò sarebbe possibile utilizzando ad esempio un sito Web dotato di fogli di stile, quindi facilmente eliminabili o modificabili, che mantenesse però intatta la sua funzionalità. In questo caso la variabile indipendente sarebbe rappresentata dall'estetica, mentre la variabile dipendente dall'usabilità inerente, in termini di prestazioni del soggetto. Ai partecipanti sarebbe richiesto di svolgere un compito strutturato.

Confrontando le prestazioni dei soggetti in termini di tempi di permanenza su ogni pagina, numero di click, loro locazione, tempo totale impiegato per portare a termine il compito e altre informazioni considerate rilevanti, si potrebbe inferire se effettivamente vi sia una differenza significativa tra le due condizioni sperimentali e cercare di capire se questa differenza dipenda dalle caratteristiche estetiche dell'interfaccia. Questo esperimento permetterebbe di capire più a fondo la relazione tra estetica ed usabilità. Variando le condizioni sperimentali, sarebbe inoltre possibile definire quali dimensioni, tra quelle considerate per l'estetica dell'interfaccia, hanno un'influenza maggiore sull'usabilità inerente.