Quick and dirty

Stefano Bussolon

Nelle slides precedenti abbiamo analizzato la situazione ideale di testing.

Spesso però le circostanze (in termini di tempo o di denaro) non ci permettono di procedere in questo modo.

Ciononostante è comunque molto meglio fare un test "alla buona" (quick and dirty) che non fare alcun test.

Suggerimenti

condurre dei "mini test" ogni volta che sia possibile;

utilizzare persone disponibili a sottoporsi al test, anche se non sono gli utenti target; è indispensabile però che siano estranei alla progettazione del sito;

identificare i compiti più importanti;

utilizzare gli ambienti disponibili;

se possibile, videoregistrare.

Iscriviti alla newsletter

UX Tuesday è una newsletter bimensile: ogni due martedì - a partire da martedì 8 gennaio 2019 - verrà pubblicato un articolo di ux, architettura dell'informazione, usabilità.

I prossimi articoli:

  • la cognitive information architecture
  • tu non sei il tuo utente
  • le interfacce sono linguaggi
  • ux e cognizione distribuita
  • la actor network analysis
  • activity is the new experience
*sono i campi obbligatori

Puoi annullare la tua sottoscrizione in qualsiasi momento attraverso il link in fondo alle mail.

Questa mailing list utilizza Mailchimp. Pertanto, iscrivendoti alla mailing list le tue informazioni saranno gestite da Mailchimp.Le regole di privacy di Mailchimp