Quick and dirty

Stefano Bussolon

Nelle slides precedenti abbiamo analizzato la situazione ideale di testing.

Spesso però le circostanze (in termini di tempo o di denaro) non ci permettono di procedere in questo modo.

Ciononostante è comunque molto meglio fare un test "alla buona" (quick and dirty) che non fare alcun test.

Suggerimenti

condurre dei "mini test" ogni volta che sia possibile;

utilizzare persone disponibili a sottoporsi al test, anche se non sono gli utenti target; è indispensabile però che siano estranei alla progettazione del sito;

identificare i compiti più importanti;

utilizzare gli ambienti disponibili;

se possibile, videoregistrare.