8 Italia: ritardi ed incentivi allo sviluppo

Alessandra Verzelloni

Il 6 marzo si è tenuto a Roma un convegno intitolato: “Italia e innovazione: una relazione possibile?”, in cui si è discusso della situazione italiana in termini di sviluppo tecnologico e ripresa degli investimenti in favore di nuove iniziative.

In quest’occasione il presidente della SMAU Antonio Emmanueli, ha presentato il Manifesto per l’innovazione . Questo progetto ha lo scopo di coinvolgere tutti i protagonisti del mercato ICT, nel recupero di uno svantaggio competitivo, nei confronti degli altri paesi.

Nel documento vengono messi in risalto anche i punti critici del nostro paese, che viene accusato di non aver colto pienamente le opportunità offerte dal cambiamento portato dalle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, trovandosi ora in una posizione di svantaggio rispetto a molti altri paesi. L’Italia ha una scarsa capacità di innovazione e non è supportata da investimenti adeguati e da un costante impegno nella ricerca e in questo le istituzioni hanno le loro responsabilità.

Nel Manifesto si afferma che la politica fiscale deve incentivare l’accesso alla banda larga e che la copertura della rete deve essere estesa lungo tutto il territorio per impedire discriminazioni. Sempre per quanto riguarda la politica fiscale, occorre promuovere e finanziare le nuove imprese ad alto contenuto tecnologico e la crescita delle PMI.

Altro punto su cui occorre intervenire è lo snellimento dei processi burocratici, investendo molto sull’e-government per diffondere una cultura informatica e stimolare l’innovazione e la competitività.

Ancora più importante è lo sviluppo di standard di sicurezza per i sistemi e le reti di ICT, fattore divenuto fondamentale con l’aumento delle transazioni on-line caratteristica necessaria per un ulteriore sviluppo.

Relativamente agli incentivi statali, il
ha reso noto che sono stati emanati due nuovi bandi rivolti all'incentivazione per il commercio elettronico e per collegamenti telematici Quick response. Si offre così la possibilità di usufruire di finanziamenti e agevolazioni alle imprese che vogliano avviare o implementare tecnologie legate all'e-commerce. Inoltre sono previsti incentivi rivolti al settore tessile e calzaturiero (aziende, imprenditori, consorzi) a favore della realizzazione del collegamento telematico “Quick-response”.

Per quanto riguarda la ricezione in banda larga, la Legge Finanziaria del 2003 ha previsto un contributo statale pari a 75 Euro riconosciuto alle persone fisiche o giuridiche che acquistano o noleggiano o detengono in comodato un apparato di utente per la trasmissione o la ricezione a larga banda dei dati via Internet.

Forse il fenomeno Internet e commercio elettronico è stato inizialmente sottovalutato, ora si sta cercando di muovere i primi passi per porre rimedio al distacco che c’è tra l’Italia e gli altri paesi industrializzati.

Pare che comunque i più grossi ostacoli culturali siano stati abbattuti. I dai più recenti confermano il decollo dell’e-commerce anche in Italia. La Nielsen/Netratings afferma che siamo passati da 2,1 milioni di acquirenti via Internet nel dicembre del 2001 a 3 milioni nello stesso mese del 2002. A dimostrazione di questo fatto, il forte aumento nella domanda di materiali per imballaggi e dei mezzi per la consegna dei prodotti.

Anche in questo settore l’Italia è però caratterizzata da uno sviluppo non omogeneo, difatti la zona di Milano concentra da sola ben il 60% delle vendite on line nazionali. I motivi sono da ricercare nell’estesa cablatura del territorio e nei maggiori investimenti che hanno effettuato nella zona le grandi catene di distribuzione (Coop, Esselunga e Auchan per primi).

Nello scenario europeo l’Italia deve ancora crescere, dato che 3 milioni di acquirenti sono ancora pochi rispetto ai 13,5 della Germania e ai 9,5 della Gran Bretagna. Anche per quanto riguarda le previsioni dei ricavi per quest’anno e per il 2004, l’Italia, secondo i dati dell’Ice, si posiziona solo al settimo posto. La strada da percorrere è quindi ancora lunga per poter parlare di una vera affermazione del commercio elettronico nel nostro paese.

Grafico 1: Previsione volume dei ricavi da e-commerce in Europa

Iscriviti alla newsletter

UX Tuesday è una newsletter bimensile: ogni due martedì - a partire da martedì 8 gennaio 2019 - verrà pubblicato un articolo di ux, architettura dell'informazione, usabilità.

I prossimi articoli:

  • la cognitive information architecture
  • tu non sei il tuo utente
  • le interfacce sono linguaggi
  • ux e cognizione distribuita
  • la actor network analysis
  • activity is the new experience
*sono i campi obbligatori

Puoi annullare la tua sottoscrizione in qualsiasi momento attraverso il link in fondo alle mail.

Questa mailing list utilizza Mailchimp. Pertanto, iscrivendoti alla mailing list le tue informazioni saranno gestite da Mailchimp.Le regole di privacy di Mailchimp